2013 55^ BIENNALE D’ARTE

VENEZIA

 

DESCRIZIONE
Padiglione Polonia. L’installazione sonora di Konrad Smolenski EVERYTHING WAS FOREVER UNTIL IT WAS NO MORE vede l’insorgere del vicino quartiere di Sant’Elena disturbato dalle immissioni prodotte dall’opera d’arte. L’installazione viene interdetta al pubblico. La Galleria Nazionale d’Arte di Varsavia e il Ministero dei Beni culturali della Polonia, curatori del Padiglione Polonia presso la Biennale d’Arte, si affidano quindi agli Avv. Tommaseo Ponzetta e Avv. Brocca per le relazioni diplomatiche e la tutela legale e a Omniacustica per definire e curare gli aspetti tecnici legati alle immissioni sonore dell’opera d’Arte nel tentativo di riaprire al più presto il Padiglione Polonia al pubblico. Il padiglione riapre a fine agosto 2013.

Dati tecnici dell’opera:

* N. 2 pareti acustiche costituite ciascuna da 10 diffusori acustici impilati da 1800 W ciascuno. Potenza amplificatori per ogni “parete” 15 kW. 

* N. 4 diffusori acustici da 1500 W ciascuno per la generazione dei bassi. Potenza amplificatori da 3,2 kW.

* N. 2 campane di bronzo del peso di circa 800 Kg.

Rassegna stampa:

 Download

Luogo e anno: 

Venezia, 2013

Sito Web:

Biennale – Link

Galleria d’arte nazionale polonia Zacheta – Link

Konrad Smolenski – Link

CONSULENZA TECNICA  BY OMNIACUSTICA:

Interventi tecnici e documentazione di impatto acustico e di previsione per la verifica del rispetto dei limiti assoluti di emissione ed immissione e limiti differenziali di immissione. Pratica amministrativa per la riapertura al pubblico del Padiglione Polonia  inibito dal Comune di Venezia per disturbo alla quiete pubblica.